Strategy
|
Le Migliori Piattaforme di Digital Marketing

Le Migliori Piattaforme di Digital Marketing

Quali sono le piattaforme di Digital Marketing più utilizzate e sopratutto cosa le differenzia una dall'altra.

Esistono tanti tipi diversi di piattaforme pubblicitarie. Avendo caratteristiche diverse, ognuna permette di focalizzarsi non solo su diversi consumatori, ma anche su diverse fasi del processo di acquisto (dalla brand awareness fino alla vendita).

Attraverso l’analisi dei comportamenti online del proprio pubblico si possono ottenere grandi risultati misurabili nel breve e lungo termine.

Come si stabilisce quindi quale sia la piattaforma pubblicitaria PPC più adatta per il proprio business?

In questo breve articolo, verranno introdotte le seguenti piattaforme:

•     Google Ads

•     Bing Ads

•     AdRoll

•     YahooGemini

•     Facebook

•     LinkedIn

•     Twitter

•     Pinterest

 

GoogleAds

Google Ads viene considerata la rete pubblicitaria più popolare per il volume di ricerche effettuate su Google e per la quantità di siti Web sulla Rete Display di Google (Google Display Network). Di seguito alcune caratteristiche:

Posizionamenti: motore di ricerca Google, ReteDisplay Google, Google Shopping, App e YouTube.

Prezzi: CPC basato sulla concorrenza e sulla qualità dell'annuncio. La Rete Display di Google consente il CPM (costo per 1.000 impressioni).

Suggerimento: spesso i CPC sono più elevati su Google Ads (a causa della grande concorrenza sulle parole chiave). Bisognerebbe avere un approccio creativo e testare campagne GDN (Google Display Network) o/e passare a una delle altre piattaforme.

 

Bing Ads

Microsoft ha il vantaggio di servire esclusivamente il traffico di ricerca di Yahoo, alimentare diverse ricerche vocali e accedere ai dati di LinkedIn con lo scopo di cercare ancora più opportunità man mano che le tecnologie pubblicitarie avanzano. Di seguito alcune caratteristiche:

Posizionamenti: motori di ricerca, contenuti nativi su MSN, Outlook.com, browser Edge e siti partner.

Prezzi: CPC basato sulla concorrenza e sulla qualità degli annunci.

Suggerimento: nonostante Bing Ads consenta agli inserzionisti di importare campagne da Google Ads, è necessario adattare tali campagne a Bing Ads (di solito i CPC sono molto più bassi su Bing).

 

AdRoll

Questa piattaforma di retargeting utilizza oltre 34 milioni di segnali per effettuare previsioni di marketing per targettizzare i consumatori.
Vengono utilizzati Exchange di Facebook, Google, e-mail e molti altri mercati di scambio. Di seguito alcune caratteristiche:

Posizionamenti: siti web.

Prezzi: la spesa media mensile minima inizia da $300.

Suggerimento: si tratta di una piattaforma fondamentale soprattutto per l'e-commerce in quanto consente di effettuare il retargeting con i prodotti visualizzati dall'acquirente.

 

YahooGemini

Gli annunci di ricerca vengono pubblicati su Yahoo Network, composti da Yahoo, AOL e altri siti Web facenti parte in queste due entità, come HuffPost e Tumblr.

A partire dal primo trimestre del 2019, Microsoft Bing Ads ha annunciato una partnership estesa con Verizon Media che consente al traffico di ricerca di Yahoo di essere servito esclusivamente da Bing Ads. Ciò include il traffico di ricerca da OathAd Platforms (precedentemente noto come Yahoo Gemini) e altri partner. Di seguito alcune caratteristiche:

Posizionamenti: ricerca, ricerca mobile, nativo.

Prezzi: CPC basato sulla concorrenza e sulla qualità degli annunci.

Suggerimento: Yahoo produce ottimi risultati in ambito di annunci nativi soprattutto per un pubblico che consuma prodottiYahoo.

 

Facebook

2 miliardi di persone usano Facebook ogni mese. Il targeting è superiore ai concorrenti infatti può diventare molto granulare selezionando dati demografici, interessi e comportamenti. Di seguito alcune caratteristiche:

Posizionamenti: Facebook, Instagram, Messenger e Audience Network sulle app.

Prezzi: costo per azione desiderata basato sull'offerta, tassi di azione stimati e qualità dell'annuncio.

Suggerimento: Facebook è la soluzione migliore per focalizzarsi su un pubblico molto granulare attraverso i dati a sua disposizione che sono molto dettagliati. Infatti, il suo livello di targeting non è facilmente raggiungibile su Google o Bing. Gli annunci di Facebook tendono a funzionare meglio nella fase della brand awareness (cioè nel far conoscere il prodotto al consumatore) ma può anche andare bene nella fase di vendita.

 

LinkedIn

Ora di proprietà di Microsoft, LinkedIn offre moltissime informazioni e un pubblico professionale che gli inserzionisti possono scegliere come target.
Gli iscritti a LinkedIn sono oltre 500 milioni e possono essere scelti a seconda di vari criteri come titolo professionale, anzianità, azienda e molto altro. Di seguito alcune caratteristiche:

Posizionamenti: LinkedIn, LinkedIn Audience Network contiene dieci di migliaia di siti mobili, app mobili e scambi di annunci.

Prezzi: CPC basato sulla concorrenza e pertinenza dell'annuncio, CPM, costo per invio (CPS).

Suggerimento: Usare LinkedIn per suggerimenti, white paper o altri contenuti molto specifici in termini di caratteristiche dell’utente.

 

Twitter

Twitter offre varie opzioni per raggiungere gli utenti (oltre 330 milioni ogni mese).
I tweet promossi sono probabilmente uno dei formati di annunci più flessibili perché possono includere qualsiasi combinazione di testo e altri media conformi alle norme generali. Di seguito alcune caratteristiche:

Posizionamenti: Twitter.com e Twitter App.

Prezzi: i tweet e gli account promossi sono CPC invece le tendenze promosse sono gestite da un rappresentante di vendita di Twitter che può variare il prezzo a seconda di diversi fattori.

Suggerimento: la pubblicità su Twitter dovrebbe essere affiancata da una solida strategia di coinvolgimento sulla piattaforma stessa. In questo modo, promuovendo un account sarà possibile ottenere nuovi follower.

 

Pinterest

Pinterest conta 200 milioni di utenti mensili attivi in cerca di tendenze, idee e prodotti e molti di loro sono predisposti all’acquisto. Di seguito alcune caratteristiche:

Posizionamenti: Pinterest.com e Pinterest app.

Prezzi: CPC per pin promossi, installazioni di app, CPM per pin video promossi.

Suggerimento: le parole ricercate su Pinterest sono più generiche rispetto a quelle su Google, perciò bisogna prestare molta attenzione alle parole chiave.

 

ARTICOLI simili